AFFITTO

Contratti – Modelli RLI – Regime di tassazione

Tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili devono essere obbligatoriamente registrati dall’affittuario o dal proprietario, qualunque sia l’ammontare del canone.

L’unico caso in cui non c’è l’obbligo di registrazione è relativo ai contratti che non superano i 30 giorni complessivi nell’anno.

SCRITTURA DEL CONTRATTO
La prima cosa da fare è ovviamente la scrittura del contratto d’affitto, il quale deve contenere i dati dell’affittuario e del proprietario, oltre ai dati catastali e di classe energetica dell’abitazione, il canone annuale ed altri dati. I contratti cartacei (ne servono minimo due copie) devono essere ovviamente firmati in originale.

COMPILAZIONE MODELLO RLI
Assieme al contratto d’affitto il proprietario (o tutti i proprietari nel caso si tratti di proprietà condivisa) deve presentare il “Modello RLI” firmato, nel quale andrà inoltre indicato il regime di tassazione scelto: “Cedolare secca” o “Regime ordinario”.
SCELTA REGIME DI TASSAZIONE
Registrare un contratto d’affitto comporta il pagamento di 3 diverse tasse, per le prime due solitamente il costo viene suddiviso tra proprietario ed inquilino al 50 %, mentre la terza è ad esclusivo carico del proprietario, e si paga contestualmente alla denuncia dei redditi (che ricordaimo essere obbligatoria per tutti coloro concedono in affitto un immobile)

Regime ordinario Cedolare secca
Imposta di bollo 32€ + 16€
per ogni copia aggiuntiva
0€ + 16€
per ogni copia aggiuntiva
Imposta di registro 2% canone annuo affitto 0€ Non dovuta
IRPEF sull’ affitto
(in dichiarazione dei redditi)
Variabile dal 23% al 43% sul 99% del canone a seconda del proprio reddito totale Fissa al 21%
del canone d’affitto annuale

Imposta di bollo: ovvero le marche da bollo da apporre sul contratto, sono 16 € a copia originale di contratto (minimo due). Se il contratto supera le 4 facciate o le 100 righe complessive, l’imposta di bollo raddoppia. L’imposta non è dovuta se si opta per la cedolare secca

Imposta di registro: questa imposta è dovuta per l’effettiva registrazione del contratto, si paga tutti gli anni (al rinnovo dell’annualità), tramite modello F24 (pagabile in Banca o Posta), e corrisponde al 2% del canone annuale di affitto. (per la prima annualità l’importo minimo è di 67 €, anche se il 2% del canone annuo risulta inferiore).

Se il contratto di locazione è a “Regime Concordato” l’imposta di registro si calcola sul 70 % del canone d’affitto, e non sul suo intero importo.

E’ possibile pagare l’imposta di registro per tutte le annualità del contratto in un’unica soluzione al momento della registrazione del contratto, ma in questo modo di perde la possibilità di effettuare gli adeguamenti annuali al canone d’affitto (secondo tabella ISTAT).

L’imposta di registrazione non è dovuta se si opta per la cedolare secca

IRPEF sul reddito: come tutti i redditi anche quello derivante da canoni d’affitto è soggetto a tassazione IRPEF. La tassazione è calcolata per “il regime ordinario” secondo lo scaglione di riferimento nella propria della denuncia dei redditi (23% – 27% – 38% – 41% – 43%)

Se si opta per il regime di “Cedolare Secca” la tassazione irpef è sempre calcolata assieme alla dichiarazione dei redditi, ma in percentuale fissa del 21% dell’affitto annuale, qualsiasi sia il reddito totale percepito dal contribuente

DOCUMENTI NECESSARI
Oltre al contratto sottoscritto da proprietario ed affittuario ed al Modulo RLI firmato da tutti i proprietari, sono necessari per la registrazione del contratto:
Documento di identità e codice fiscale di tutti i proprietari
Documento di identità e codice fiscale di tutti gli affittuari (da iscrivere a contratto)

Certificazione energetica (possibile auto-dichiarare l’appartenenza all’ultima classe energetica “G”)

RISOLUZIONE CONTRATTO D’AFFITTO
La risoluzione anticipata del contratto rispetto alla naturale scadenza indicata in esso (generalmente 4 anni), è soggetta a tassazione di 67.00 €. Generalmente questa imposta è sostenuta da colui che richiede la cessazione anticipata, che deve essere egualmente comunicata con il preavviso stabilito da contratto.

Tel. 0522 232278
Fax. 0522 507127

caf.logiservice@gmail.com
logiservice@logiservicere.it

RICHIEDI ORA
IL TUO PREVENTIVO

Contatta il nostro team per avere il tuo preventivo personalizzato e gratuito.